mercoledì 24 dicembre 2008

ASSEMBLEA NAZIONALE DEL 20 DICEMBRE A ROMA

Cari ragazzi e care ragazze,come già sapete, il 20 dicembre si è tenuta a Roma la prima Assemblea dei Giovani del partito Democratico. In provincia di Ragusa siamo stati 5 gli eletti delegati nazionali e in 4 siamo partiti venerdì sera per Roma (Io, Giovanni la Terra Bellina, leoluca Catania e Biagio Guastella).L'Assemblea è iniziata alle 10 ed è terminata alle 19.La Regione più rappresentata in questa assemblea è stata sicuramente la nostra amata Sicilia e di questo ne dobbiamo essere fieri ed orgogliosi. Peraltro abbiamo fatto un intervento attraverso la voce di Giovanni La Terra Bellina, che a soli 17 anni ha avuto il coraggio di salire sul palco e parlare a favore della nostra provincia e della nostra Regione, davnti a 1000 persone.All'assemblea si è parlato in un primo momento della crisi economica che sta investendo il nostro paese oltre che tutta l'Europa ed il nostro segretario Raciti, che ha fatto il primo intervento, ha detto che bisogna dare una risposta non solo ai Giovani democratici, ma ai giovani di questo paese. Ha continuato dicendo che sentiamo la necessità di esprimere quelli che sono i nostri valori e di proporre le nostre idee. Non solo sulla questione morale, ma anche e soprattutto sulla crisi economica. È assolutamente necessario evitare che la crisi colpisca irrimediabilmente i giovani, che sono il vero anello debole. Quindi è necessario mettere nuovamente al centro dell'attenzione l'interesse comune, proprio perchè questo abbia causato i problemi relativi alla questione morale: la difficoltà degli amministratori di ristabilire il primato dell'interesse comune.Successivamente Fausto ha parlato del movimento giovanile venutosi a creare ufficialmente con le primarie ed ha sottolineato il fatto che è necessaria un'organizzazione capillare e flessibile cercando di essere pesenti sul territorio: nei circoli certo, ma non solo poichè dobbiamo essere un'organizzazione trasversale, capace di coinvolgere i giovani e per farlo abbiamo bisogno di frequentare i posti in cui essi vivono: le scuole, le università, i luoghi di lavoro....Questo infatti è l'obiettivo che noi giovani democratici del circolo di Ragusa ci siamo prefissi e a quanto pare, in questo primo anno di vita del PD anche se ancora non eravamo un organismo politico ufficiale, abbiamo raggiunto tale obiettivo essendo presenti sia nelle scuole che nelle università e sono ancora più convinta che dobbiamo sempre seguire questo pecorso cercando di coinvolgere più giovani possibili. Inoltre penso che noi giovani dobbiamo avere una certa autonomia e democrazia all'interno del gruppo stesso e così come specificava il nostro segretario, dobbiamo puntare sul consolidamento del Pd sia a livello locale sia a livello Nazionale.La seconda parte dell'assemblea è stata dedicata, invece alla iflessione e alla decisione per ciò che concerne le modalità e le date sull'elezione del segretario Regionale e del segretario provinciale.Infatti, dopo vari interventi, è stato deciso che entro e non oltre il 31 Gennaio si deve eleggere il Segretario Regionale votato dai delegati Regionali eletti con le primarie del 21 Novembre e forse (ancora non è stato deciso) voteranno anche i delegati Nazionali. Invece il segretario provinciale verrà eletto entro e non oltre la fine di Febbraio e potrà essere votato da tutti gli eletti delegati, nel nostro caso i 15 della provincia di Ragusa, quindi sia gli eletti alla delegazione nazionale sia quelli della delegazione Regionale.Per quanto riguarda il Segretario Cittadino, ancora non sono state prese delle decisioni, anche se penso che dovremmo eleggerlo a Marzo; così come non sono stati ancora definiti i ruoli e le ripartizioni per la Direzione Nazionale.Facendo, inoltre, un'analisi del voto delle scorse primarie, si rivela che la Regione Sicilia abbia registrato il numero maggiore di votanti (27.000) e quindi ha contribuito in modo netto e schiacciante alla vittoria del Segretario Fausto Raciti e ad avere un numero non indifferente di delegati all'Assemblea Nazionale che, tra l'altro sono stati presenti in massa giorno 20 dicembre.Questo risultato ci rende sicuramente onore e orgoglio!!!Noi crediamo nel partito Democratico e nel nostro neoeletto segretario Raciti, che è stato eletto legittimamente e democraticamente, al contrario di ciò che ha detto il candidato Bruno, accusando anche i Siciliani di aver fatto brogli alle elzioni, cosa falsa. Purtroppo, l'invidia è cosa brutta!!! Vorrei dire anche che Fausto ha stravinto, quindi non mi è sembrato opportuno l'intervento critico e distruttivo del candidato Bruno che in ogni caso non poteva mai arrivare al risultato ottenuto dal nostro segretario.Penso che, invece, dobbiamo cercare di creare insieme un percorso costruttivo, cercando di convincere i giovani a pensare al loro futuro e a questa generazione costretta a vivere in una società dove non riesce a dare spazio ai giovani lavoratori, studenti, disoccupati e disagiati, ma non solo con le parole ma anche con le idee, la partecipazione, i dibattiti, le proposte; dobbiamo pensare a far si che il partito Democratico sia una vera alternativa per i nostri cittadini e diventi per i giovani un punto di riferimento. Dobbiamo cerare insieme un laboratorio politico vero e proprio dove ognuno lavora con i propri ruoli e i propri compiti metteno insieme le proprie passioni e i propri interessi. Dobbiamo iniziare a dialogare con la gente e a capire le loro esigenze, solo così potremmo essere una vera alternativa e possiamo ottenere credibilità e fiducia. dobbiamo essere noi giovani a dare l'esempio ai "Grandi" del nostro partito e dobbiamo iniziare a dar voce alle nostre esigenze e alle nostre necessità; dobbiamo continuare a credere ai valori a cui crediamo fortemente che poi sono gli stessi per cui abbiamo aderito a questo nuovo progetto politico. enso inoltre e ne sono convinta che dobbiamo avere una nostra autonomia e dobbiamo cerarci uno spazio all'interno del partito, affinchè il ricambio generazionale avvenga veramente e non rimane solo un'illusione.Concludo col dirvi che è stata per me un'esperienza bellissima, ho conosciuto tanti ragazzi simpatici e validi con cui condivido tante cose e con cui sono stata veramente bene.Un ringraziamento di cuore voglio farlo a Salvo Nicosia che nonostante è rimasto a casa per motivi di salute è stato veramente grandioso: ci ha seguiti in ogni momento informandosi e tenendoci informati, sapete...... ci mandava a tutti i messaggi per informarci dell'orario e del luogo degli appuntamenti... Grazie Salvo!!!Voglio ringraziare anche Giacomo D'Arrigo, il nostro referente Nazionale, che è stato vicino e disponibile a tutti noi e che anche lui con il suo discorso e con il suo ruolo ha fatto si che i Giovani Democratici siciliani sono stati considerati ed ascoltati.Ringrazio, inoltre, Fabio Capillo e Gabriele lo Re (Giovani Pd Messina) con cui abbiamo avuto un piacevole confronto e tutto il Gruppo di Messina (con i nomi sono negata non li ricordo); Giuseppe Campisi (soprannominato il Capo della banda), Rosario liuzzo e tutto il gruppo di Catania; il Delegato di Enna (non ricordo il nome e me ne deve scusare); William ed il gruppo di Taormina ed il gruppo di Palermo (anche loro devono scusarmi per la pessima memoria).Alla prossima Raga!!!!!!!! nella speranza che partiremo con l'aereo o che per assurdo l'assemblea si terrà in Sicilia..........Vi AUGURO UN BUON NATALE NELLA SPERANZA CHE CI PORTI TANTA GIOIA E FELICITA' .......GRAZIE!!!!!!!!!!!!

La Referente dei Giovani Pd di Ragusa
Valentina Spata

martedì 23 dicembre 2008

GRAVE INCIDENTE SULLA STRADA RAGUSA CATANIA. SOLIDARIETA' ALLE FAMIGLIE E RIFLESSIONE AI GOVANI

Quattro giovani sono morti nello scontro tra l'auto sulla quale viaggiavano ed un Tir sulla strada statale 194 che collega Catania a Ragusa. L'incidente si è verificato ieri sera. La quarta vittima dell'incidente è stata identificata solo all'alba. I quattro ragazzi morti, tutti studenti e residenti a Giarratana (Ragusa), avevano tra i 19 e i 21 anni: Giuseppe Di Gaetano, 21 anni, conducente dell'auto, identificato stamani; Leandro Renna, 21 anni; Fabio Di Pietro, 19 anni; Gabriele Corallo, 20 anni.Secondo le prime ricostruzioni, i quattro ragazzi a bordo della Mini Cooper erano diretti a Catania, ma all'altezza di una curva, in un tratto tra Vizzini e Francofonte, il conducente avrebbe perso il controllo della vettura che ha invaso la corsia opposta, proprio mentre sopraggiungeva un autotreno. L'impatto è stato violentissimo. Il camionista, rimasto ferito ma non in maniera grave, è stato trasportato in stato di choc nell'ospedale Civile a Ragusa. I vigili del fuoco hanno lavorato diverse ore prima di estrarre i corpi dei ragazzi dalle lamiere dell'auto. L'incidente ha sconvolto tutti.

Il dolore per chi resta, per chi ha amato questi ragazzi giovanissimi è indescrivibile.... Bisogna riflettere, oramai queste stragi chiamate appunto "stragi del Sabato Sera" sono all'ordine del giorno e sinceramente vengono i brividi solo a pensare come tutto può finire in un attimo e in modo così brutale.


Per evitare che tante altre croci si aggiungano alle già numerose che affollano le nostre strade

bisogna reagire: TROPPI MORTI E FERITI SULLE STRADE. CI VUOLE PIU' SICUREZZA SULLE STRADE E UNA CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE PER TUTTI I GIOVANI.

Bisogna proporre delle soluzioni per ridurre gli incidenti causati da un eccessivo consumo di alcool attraverso la formazione di alcuni esperti sul territorio provinciale, che a loro volta potranno diventare formatori e promotori di iniziative nelle diverse realtà da cui provengono. Anche se non è stimabile con esattezza, la dipendenza dall'alcool rappresenta una percentuale elevata tra le cause degli incidenti stradali, tanto da costituire un fenomeno di allarme sociale: le cosiddette stragi del sabato-sera. Le stime nazionali di diverse agenzie, infatti, parlano del 30 %.
L'opinione pubblica, chiede che vengano prese misure efficaci di prevenzione per ridurre il numero degli incidenti alcol-correlati, rendere i giovani più consapevoli dei rischi, diffondere una cultura della sobrietà, in particolare quando si è alla guida di un automezzo.
Un obiettivo che si realizza intervenendo non tanto sulla popolazione generale, quanto su alcune categorie inserendo processi di informazione, di educazione e di promozione di stili di vita sani presso i giovani. Gli incidenti alcol-correlati possono essere sensibilmente ridotti con misure di contenimento dei consumi di alcolici, in particolare nei soggetti giovani, nei fine settimana, nelle ore notturne. Ma gli incidenti stradali sono causati anche dalle strade irregolari e pericolose come la strada Ragusa-Catania. stiamo parlando di una strada non illuminata, con dislivelli smisurati, con pericolo di frane e con una carreggiata stretta e non lineare.

Non è possibile perdre la vita così, non è possibile morire a soli 20 anni quando ancora la vita deve essere vissuta profondamente, non è possibile che le persone che amano debbano subire la perdita dei loro cari, una perdita che li segnerà per sempre.

"È una grande disperazione" . Queste tragedie provocano grandi dolori che difficilmente si riesce a comprendere se non vengono vissuti sulla propria pelle. Non si riesce a credere ad una tragedia del genere e spesso si pensa che non può essere vero, che non può essere possibile ma dopo ci si rende conto che non si può tornare indietro e non si può dimenticare o fare finta di niente. Perdere un figlio, un amico, un fratello, un parente significa perdere la speranza nella vita, Purtroppo non è un brutto sogno ma è la realtà e questa realtà deve cambiare.

Faccio le mie sentite condoglianze alle famiglie delle vittime e prometto che ad inizio anno organizzeremo delle iniziative per evitare altre tragedie simili.

Valentina Spata

venerdì 12 dicembre 2008

INNAUGURAZIONE DEL LABORATORIO POLITICO DEI GIOVANI DEMOCRATICI DI VITTORIA


Venerdì 12 Dicembre dalle ore 17.30 alle ore 19.30, a Vittoria apre la nuova sede "Officina PD". Un open space per partecipare attivamente ad un nuovo corso politico che deve partire dai giovani e con i giovani. Video Lab, Facebook point , color news, formazione politica e incontri. Inoltre Officina Pd ospita la segreteria politica dell'On.le Ammatuna.

Ringrazio il Cons. provinciale Fabio Nicosia per l'invito e data l'importanza dell'iniziativa lo inoltro a tutti coloro che volgiono partecipare. Vi aspettiamo numerosi!!

La sede si trova in via Castelfidardo, 142 Vittoria

La Responsabile dei Giovani dl pd Ragusa

CAMPAGNA TESSERAMENTO PD 2009


L'esperienza appresa all'interno del Partito Democratico e soprattutto con il gruppo giovanile, x me è stata significativa ed entusiasmante.
Io penso, che il PD, sia una grande opportunità per i giovani che vogliono fare politica e che pensano di cambiare qlc attraverso il contributo di tutti e rimanendo uniti all'interno di questo percorso.
Quello che ho sempre pensato è che noi dobbiamo chiedere a gran voce di essere messi in condizione di poterci assumere le nostre responsabilità e di dimostrare che i giovani possano dare il loro contributo e possono essere di gran aiuto x il nuovo partito che sta iniziando questo percorso.
E' con questa speranza e con un pizzico di orgoglio che ci siamo presentati all'appuntamento della della costruzione del Partito Democratico, il 14 ottobre 2007, come protagonisti, proprio xchè vogliamo essere il futuro e pretendiamo di essere considerati interlocutori politici dei vertici dei partiti.
Molte volte i giovani sono stati considerati portatori di voti o ragazzi che ptevano essere utili x fare volantinaggioo altro durante le campagne elettorali, ma nel notro partito non è così xchè noi siamo stati in grado di farci ascoltare e cercheremo di iniziare un nuovo xcorso di felice convivenza con i nostri vertici; m questo avviene solamente attraverso il meccanismo della fiducia, xchè solamente uniti e coerenti con le decisioni di gruppo si possono vincere delle piccole e delle grandi battaglie, all'interno e al di fuori del partito.
Quello che io apprezzo ed ho apprezzato è la fedeltà alla linea politica del gruppo d'appartenenza
e quindi la fedeltà che ognuno di voi ha mostrato nelle decisioni del nostro gruppo.
Io ho creduto e credo ancora, al percorso che abbiamo intrapreso xchè penso che a fronte di una classe politica dirigente la cui età edia non scende mai al di sotto dei 40 anni, e affezionata alle consuete poltrone del potere, esiste tutto un universo di giovani impegnati nella politica e che non aspettano altro che una possibilità di contribuire al miglioramento dl proprio paese con rinnovato spirito d'interesse di fiducia.
Abbiamo bisogno di slegare la forza racchiusa ed imprigionata che c'è in noi giovani, liberare le energie che insistono sul territorio, svincolare l'attività politica e amministrativa da antiche logiche d'interesse e ridare a questo nuovo partito il contributo di una nuova generazione che sente l'esigenza di cambiare!!!
Noi non volgiamo poltrone o nomine. Chiediamo solamente di ssere considerati come interlocutori politici e di avere strumenti e le possibilità x fare quello x cui ci battiamo da sempre: ascoltare la gente e rendere il nostro paese migliore x chi ci vive.
Quindi, vi chiedo, di impegnarvi per il gruppo giovanile, di aggregare nuove risorse e di iniziare tutti insieme la prima campagna di tesseramento del Partito Democratico.

PARTECIPA IL 19 DICEMBRE ALLA FESTA DEL TESSERAMENTO: Mediterraneo Palace, Ragusa, via Roma, dalle ore18.00 alle ore 23.00.


La referente dei giovani del PD di Ragusa

Valentina Spata

martedì 2 dicembre 2008

NASCE IL BLOG DEI GIOVANI PD DI RAGUSA!!!!!


FINALMENTE NSCE IL BLOG DE GIOVANI DEMOCRATICI DI RAGUSA: www.giovanipdragusa.blogspot.com
VISITIL NOSTRO BLOG E VEDRAI TUTTE LE NOSTRE INIZIATIVE.......
ATTRERSO IL BLOG POTRAI PARTECIPARE SCRIVENDO COMMENTI, PROPOSTE, IDEE....

domenica 30 novembre 2008

INIZIATIVA GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO AIDS!!!


IN OCCASIONE DELLA GIORNATA ITERNAZIONALE DELL'AIDS, DOMANI ORE 18.00 PRESSO IL PARTITO DEMOCRATICO DI RAGUSA, VIALE DEL FANTE 10, IL GRUPPO DEI GIOVANI DEL PD DI RAGUSA ORGANIZZANO L'INIZIATIVA "PRESERVA IL FUTURO".
La Responsabile dei Giovani PD di Ragusa
Valentina Spata

29 NOVEMBRE 2008: ON. GIUSEPPE FIORONI A RAGUSA!!!CONVEGNO "I CATTOLICI E LA POLITICA"

Nella foto: l'On. Fioroni, Irene Sittinieri, Valentina Spata, Giovanni Rosso, Salvatore Gambuzza, Mario D'Asta, Gianni Scala, Giovanni La Terra Bellina, Salvo Cataldi, Salvo Nicosia (ex segretario Regionale dei Giovani della Margherita e attuale referente dei giovani democratici in Sicilia).



IERI 29 NOVEMBRE ORE 17,00 SI E' TENUTO A RAGUSA PRESSO IL LICEO SCIENTIFICO "E. FERMI", IL CONVEGNO "UN IMPEGNO POLITICO PER I CATTOLICI: tra società civile e nuovi partiti. IGIOVANI DEL PD DI RAGUSA E POZZALLO PARTECIPANO!!!!!!!

HA PRESENTATO:
Avv. Giovanni Molè
Presidente dell'Associazione G.La Pira

HA INTRODOTTO:
Prof. Giorgio Massari
Università Lumsa Roma

I RELATORI SONO STATI:


Don Bartolomeo Sorgi
nalla Foto: Don Bartolomeo Sorge, Irene Sittinieri, Valentina Spata, Giovanni Rosso, Salvo Gambuzza, Mario D'Asta, Salvo Cataldi, Giovanni La Terra Bellina Gianni Scala e il nostro ospite Salvo Nicosia (ex segretario regionale dei Giovani della margherita e attuale referente regionale dei giovani democratici).


Padre Bartolomeo Sorge, nato nel 1929, gesuita, ordinato nel 1958, è stato vice-presidente della Conferenza Episcopale Italiana.
Nel 1985 è stato direttore del Centro Studi dei Gesuiti a Palermo e direttore dell'Istituto di Formazione Politica "Pedro Arrupe".
Già direttore della rivista cattolica "Civiltà Cattolica", fondatore degli Istituto di Formazione Politica in Italia e all'estero, è attualmente direttore della rivista mensile "Aggiornamenti Sociali".

mercoledì 26 novembre 2008

MOZIONE PRESENTATA IN SENATO DAL PARTITO DEMOCRATICO CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE


Mozione

Il Senato,

premesso che

la violenza, prevalentemente intrafamiliare, è la prima causa di morte delle donne;
in Italia, secondo i dati ISTAT e del Ministero dell'interno, nel corso dell'ultimo anno, un milione di donne ha subito violenza fisica o sessuale e nei primi 6 mesi del 2007 ne sono state uccise 62, 141 sono state oggetto di tentato omicidio, 1.805 sono state abusate, 10.383 sono state vittime di sevizie o maltrattamenti;
dal 2004 al 2005 le violenze sessuali sono aumentate del 22% e un caso su tre di decessi consequenziali a violenze carnali riguarda attualmente donne uccise dal marito, dal convivente o dal fidanzato;
sono in costante ascesa le molestie ripetute e ossessive (c.d. stalking) nei confronti di donne che sfociano spesso nell’uccisione della vittima o che comunque le causano rilevanti pregiudizi psico-fisici;
l'intensità e il grado di diffusione di tali forme di violenza e abuso nei confronti delle donne sono tali da avere suggerito la letteratura sociologica a coniare il termine di “femminicidio”, a proposito di tale attacco alle donne intese come genere;
per la copertura degli oneri derivanti dal decreto-legge 27 maggio 2008, n. 93, recante disposizioni urgenti per salvaguardare il potere di acquisto delle famiglie, il Governo ha operato numerosi tagli alle autorizzazioni di spesa previste dalla legge 24 dicembre 2007, n. 244 (legge finanziaria 2008); in particolare, tra le varie e numerose autorizzazioni di spesa, prima azzerate e poi ripristinate, si segnala quella per il fondo, con una dotazione di 20 milioni di euro per l'anno 2008, destinato a un Piano contro la violenza alle donne, istituito dall'articolo 2, comma 463, della legge finanziaria 2008, finalizzato alla prevenzione, all'informazione, alla sensibilizzazione nei confronti del fenomeno della violenza contro le donne, nonché al sostegno dei centri antiviolenza e delle case-rifugio;
nel disegno di legge recante "disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato" di cui all'AS 1209, non è previsto il ri-finanziamento per l'anno 2009 del medesimo fondo per il Piano contro la violenza alle donne, né tantomeno sono previste misure di sostegno per i centri anti-violenza, in particolare di quelli del Mezzogiorno, che versano in condizioni di grave difficoltà;

considerato che

tali strutture svolgono quotidianamente un'azione di assoluto rilievo non solo nella tutela, nell'assistenza delle vittime, ma anche nel contrasto agli abusi e alla violenza contro le donne;
è in tal senso particolarmente significativo che nelle zone nelle quali sono presenti centri anti-violenza o case-rifugio si sia potuto registrare un significativo incremento nel tasso di denunce, tale da contribuire a ridurre sensibilmente l'entità della cifra oscura;
tale circostanza dimostra come la presenza sul territorio di simili strutture concorra a sostenere le donne vittime di violenza nel difficile percorso di rielaborazione e denuncia del crimine subito, contribuendo a formare una coscienza collettiva sensibile al problema e consapevole della necessità di promuovere una cultura rispettosa della differenza e del valore della donna nella società, secondo quanto auspicato tra l'altro dall'Unione europea e dalla Conferenza di Pechino del 1995;

impegna il Governo

a stanziare risorse adeguate al fine di promuovere la diffusione in tutte le zone d'Italia e in particolare nel Mezzogiorno, dei centri anti-violenza e delle case-rifugio, quali strutture indispensabili per la tutela delle vittime di violenza sessuale, nonché per il contrasto a tale crimine, la sensibilizzazione della società nei confronti di questo fenomeno e la promozione di una cultura che riconosca il valore e i diritti delle donne;
a valorizzare la funzione dei centri-antiviolenza e delle case-rifugio, destinando a tali strutture finanziamenti sufficienti rispetto ai loro compiti, tipizzandone tra l'altro funzioni e finalità, nonchè mettendo a disposizione delle donne che non comprendano la lingua italiana un mediatore culturale per comunicare con il personale dei centri;
a istituire un Registro dei centri accreditati in base a precisi criteri, nonché un coordinamento nazionale dei centri anti-violenza;
a ricomprendere, all'interno dei livelli essenziali delle prestazioni di accoglienza e socio-assistenziali, di attività a tutela delle donne vittime di violenza, quali in particolare quelle volte all'assistenza e al soccorso di tali persone, nonché all'istituzione di centri antiviolenza e case-rifugio per l'accoglienza temporanea alle persone che subiscono violenza, anche ad indirizzo riservato, cui attribuire competenze nell'ambito della progettazione dei percorsi di reintegrazione personale e sociale


Ordine delle firme

FRANCO Vittoria
FINOCCHIARO
ADAMO
AMATI
ANTEZZA
BAIO
BASTICO
BERTUZZI
BIANCHI
BLAZINA
CARLONI
CHIAROMONTE
DELLA MONICA
INCOSTANTE
MAZZUCONI
MONGIELLO
NEGRI
PIGNEDOLI
PORETTI
SOLIANI

Giovani Democratici, Raciti è il segretario
Oltre 120.000 i ragazzi che hanno votato il 21 novembre

E' Fausto Raciti il primo segretario dei Giovani Democratici. Alle primarie come ha reso noto il Dipartimento Organizzazione del Pd hanno partecipato 121.623 ragazzi tra i 14 ed i 29 anni. Il dipartimento Organizzazione del Partito Democratico ha reso noti i dati definitivi dei voti: con il 77,03% (93.686 voti) Fausto Raciti è stato eletto alla guida dell’organizzazione giovanile del Pd, seguito da Giulia Innocenzi con il 9,97% (12.126 voti), Dario Marini con il 6,70% (8.149 voti) e Salvatore Bruno con il 6,30% (7.662 voti).I risultati definitivi degli eletti all’assemblea nazionale e a quelle regionali saranno diffusi nelle prossime ore. Nella serata di domenica sono arrivati a Raciti gli auguri del segretario del PD, Walter Veltroni.



Dichiarazione di Fausto Raciti
"Ieri è stata una grande giornata di democrazia che sta consegnando un grande successo al progetto politico che ho messo in campo negli ultimi mesi", a dichiararlo è Fausto Raciti.
"Sono stati 2 mesi intensi in cui abbiamo, con gli altri 3 candidati, condotto una campagna elettorale intensa dove abbiamo confrontato idee diverse di organizzazione giovanile" continua Raciti.
"Da domani inizia una nuova storia. Sarò impegnato a dare forma a una grande e autonoma organizzazione giovanile, capace di stare nella quotidianità delle mia generazione. Ed è un'esigenza ancora più forte in una giornata come questa, dove un ragazzo muore su un banco di scuola"
"Vorrei ringraziare i candidati Marini, Innocenzi e Bruno che, con le loro idee di politica e di organizzazione giovanile, hanno contribuito a rendere viva questa competizione elettorale. Infine un ringraziamento va ai tanti che mi hanno sostenuto e che hanno deciso, con il loro voto, di dare forza al progetto politico che ho messo in campo".


Ringrazio, personalmente e a nome dei Giovani democratici di Ragusa, il nostro neoeletto Segretario, nella speranza di averlo con noi a Ragusa al più presto.

Ho avuto il piacere di conoscerlo e di parlare con lui, è veramente una persona speciale!!!!!

Bravo Fauto sei il nostro orgoglio...continua sempre così...... Ci vediamo a Roma!!!

Bacio

Valentina Spata

UNA GIORNATA DA RICORDARE!!!!!!!


QUAL'E' IL SENSO DELLA VITA?

A VOLTE SI NASCONDE DIETRO LE COSE PIU' SEMPLICI.

SIAMO TROPPO PRESI DALLA QUOTIDIANEITA' PER RENDERCI CONTO CHE BASTA POCO PER STACCARE LA SPINA E REGALARSI 1 GIORNATA DA RICORDARE.


LA MIA GIORNATA DA RICORDARE LA DEDICO A VALENTINA, UNA RAGAZZA PER ME SPECIALE!!!!!!

L'HO CONOSCIUTA UN PO' DI ANNI FA'......

LA COSA CHE RICORDO IN PARTICOLARE, LA COSA CHE MI HA COLPITO DI PIU' IN LEI E' STATO QUEL SUO SENSO DI ALTRUISMO. PER LEI ESISTONO SEMPRE E SOLO GLI ALTRI...POI LEI.

E' UNA RAGAZZA IPER ATTIVA, QUESTO SI SA E SI VEDE, MA E' IMPORTANTE NOTARE CHE RIESCE A TRASMETTERE LE SUE PASSIONI E DI CONSEGUENZA RIESCE A COINVOLGERE TUTTI COLORO CHE COME ME CREDONO IN LEI.

E' LA GIOIA FATTA IN PERSONA, LA SUA ALLEGRIA, LA SUA BONTA', LA SUA DISPONIBILITA', IL SUO GRANDE CUORE...... LA SUA BELLEZZA...FANNO DI LEI UN VERO ANGELO!!

SONO FELICE DI AVERLA CONOSCIUTA E DI AVER CONDIVISO CON LEI I MOMENI BELLI, PRIMA DI TUTTO, MA ANCHE QUELLI POCO PIACEVOLI.....

PER ME CARA VALE SEI UN ANGELO....... AVREI TANTO DA DIRE SU DI TE E VORREI FARLO CON TE!!!! VORREI TRASCORRERE QUESTA GIORNATA INSIEME ALLA PERSONA CHE RAPPRESENTA UNA PARTE IMPORTANTE DELLA MIA VITA.........

TI VOGLIO UN INFINITO BENE........ SARAI SEMPRE NEL MIO CUORE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
PINO

COMUNICAZIONE URGENTE!!!!!!!!!!!!!


GLI STUDENTI DI SCIENZE SOCIALI, PROCLAMANO OGGI LO STATO DI OKKUPAZIONE CHE INIZIERA' ALLE 15.30 PRESSO LA SEDE DELLA FACOLTA' A MODICA.

INSIEME SOSTERRANNO LA BATTAGLIA DEI RAGAZZI DEL PRIMO ANNO!!!

BASTA PIU' PROMESSE, BASTA PIU' PAROLE... LA DIPLOMAZIA NON HA PORTATO A NESSUN RISULTATO!!!!!!!!!!!!

I DEPUTATI, DOPO AVER PROMESSO DI ANDARE A MESSINA ENTRO LUNEDI' PER DIALOGARE CON IL RETTORE E RISOLVERE LA QUESTIONE, AD OGGI NON CI SONO ANDATI E NOI STUDENTI NON ABBIAMO NESSUNA RISPOSTA POSITIVA.

NON POSSIAMO ANCORA ASPETTARE, SE ENTRO IL 30 NOVEMBRE NON FIRMANO LA CONVENZIONE IL 1 ANNO NON SI ATTIVERA' PIU' ED IL CORSO DI LAUREA CHIUDRA' DEFINITIVAMENTE..... NON PERMETTEREMO CIO'!!!! CONTINUEREMO CON TUTTE LE NOSTRE FORZE A PROTESTARE ANCHE OKKUPANDO LA FACOLTA'.

NON ERA NOSTRA INTENZIONE MA LA PAZIENZA HA UN LIMITE.........
IL CONSIGLIERE DI FACOLTA' E DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE SOCIALI, MARCO SANTORO, DICE CHE "NON POSSIAMO ESSERE NOI STUDENTI A PAGARE, ABBIAMO PAGATO LE TASSE ED E' UN NOSTRO DIRITTO INIZIARE L'ANNO ACCADEMICO" "ADESSO VOGLIAMO L'ATTIVAZIONE IMMEDIATA DEL PRIMO ANNO, SIAMO UNA GRANDE FAMIGLIA ED INSIEME CONTINUEREMO QUESTA BATTAGLIA AFFINCHE' IL CONSORZIO E L'ATENEO DI MESSINA TROVANO UN'ACCORDO".
LA SOLIDARIETA' NEI CONFRONTI DEGLI STUDENTI VIENE ANCHE DAL SINDACO DI MODICA ANTONELLO BUSCEMA, DALL'ON. RICCARDO MINARDO E DAL SEGRETARIO GENERALE DELLA CGIL GIOVANNI AVOLA: VEDI ARTICOLI SUL SITO http://www.unirevolution.splinder.com/.


Valentina Spata

AAPUNTAMENTI GIOVANI PD!!!!!!!!!!

GIOVANI DEL PARTITO DEMOCRATICO DI RAGUSA
CARI RAGAZZI, DOPO LA FASE DELLE PRIMARIE, RIPRENDONO LE ATTIVITA' POLITICHE.

VI INVITO DUNQUE AI SEGUENTI APPUNTAMENTI:


  1. giorno 26 novembre ore 17.00 presso la sede del PD a Ragusa, riunione area Tematica Immigrazione;
  2. giorno 27 Novembre ore 17.00presso la sede del PD a Ragusa. riunion congiunta aree tematiche centro storico e sviluppo economico, per parlare della crisi del commercio e delle nostre proposte;

  3. giorno 28 novembre ore 17.00 presso la sede del PD a Ragusa, riunione solo degli eletti per discutere dell'esito delle Primarie;

  4. giorno 28 novembre 0re 19.00 presso la sede del PD a Ragusa, esecutivo cittadino;

  5. giorno 29 novembre dalle ore 17.00 alle ore 20.00 Convegno:"Un nuovo impegno politico per i Cattolici" presso l'auditorium del Liceo scientifico di Ragusa;

La referente dei giovani PD di ragusa

Valentina Spata

COMUNICATO STAMPA PD AREA TEMATICA DISABILITA' E DISAGIO SOCIALE


AREA TEMATICA DISABILITA’ E DISAGIO SOCIALE

Nell’ambito della sua programmazione, il Partito Democratico ha pensato di dare uno spazio importante ad un settore sociale particolarmente complesso ed articolato. L’area tematica che abbiamo voluto aggiungere alla nostra programmazione è quella della “Disabilità e del Disagio Sociale”.
Si è pensato infatti che la problematica sociale rappresentata dalla disabilità, nonché dalle molteplici forme di disagio sociale, non ha ancora trovato strumenti idonei in grado di fornire risposte concrete per mitigare la drammatica situazione in cui vivono moltissimi cittadini.
Se poi consideriamo che gli effetti disastrosi che la crisi economica mondiale sta producendo, soprattutto a danno delle fasce più deboli della società, allora ci rendiamo conto quanto possa essere importante confrontarci su questo delicato tema per ricercare nuove azioni a difesa dei più deboli.
La complessità del mondo della disabilità e del disagio si coglie nelle sue variegate forme espressive, che possiamo conoscere mediante coloro che vivono direttamente lo svantaggio.
Se poniamo “L’Uomo” al centro di ogni azione e se lo consideriamo anche come soggetto attivo, in grado dare il proprio contributo per la crescita della società in cui vive, allora capiremo bene quanto sia importante ricercare strumenti sempre più idonei per dare risposte alle istanze provenienti dai più svantaggiati.
In questa realtà non soltanto esiste un aspetto assistenziale del disagio, caratterizzato da una crescente richiesta di servizi, di strutture residenziali, di sostegni alla famiglia e di strumenti di socializzazione, ma esiste anche aspetto della realtà fatto di integrazione, che si esprime in una forte volontà di voler essere maggiormente coinvolti in azioni e processi produttivi e socializzanti. Se è vero che molto è stato fatto per migliorare lo status di molti cittadini disabili, è altrettanto vero che molto ancora c’è da fare, specie nell’abbattimento di molte barriere fisiche e psicologiche presenti nella nostra società.
La normativa prodotta negli ultimi anni dai vari governi è molto varia e frammentata; manca una legge quadro che faccia sintesi della produzione normativa, e ciò spesso rappresenta un forte limite alla loro applicazione.
Il nostro obbiettivo principale sarà quello di formulare proposte operative che vedano tutti gli operatori sociali e tutte le forze produttive convergere verso l’obbiettivo comune di migliorare la vita dei più svantaggiati.
Esistono mezzi e strumenti, non attuati, che possono garantire, anche a livello locale, un salto di qualità della società intera e della vita dei singoli svantaggiati e/o disagiati.
Inoltre lavoreremo per proporre una semplificazione normativa in grado di garantire una più corretta applicazione dei dispositivi di legge.
Infine, formuleremo proposte a tutte le amministrazioni locali allo scopo di tentare di mitigare il disagio dei nostri concittadini coinvolti, e di favorirne la reale integrazione.

IL RESPONSABILE DELL’AREA
Giovanni Brafa
IL VICE COORDINATORE PROVINCIALE
Tuccio Di Stallo
Caro Tuccio, mi dispiace di non essere stata presente ma l'appuntamento di lavoro quel giorno si è prolungato di molto.
Comunque, condivido ciò che avete detto ed eprimo la mia opinione:
“Non più e non solo dichiarare i diritti delle persone con disabilità ma esigerli; non più e non solo superamento delle barriere architettoniche ma innanzitutto di quelle culturali”: questa è la sintesi della mia posizione.“L’impegno dei governi, a qualsiasi livello è di rendere esigibili tali diritti, creando le condizioni culturali e sociali per costruire pari opportunità. Vale a dire che le politiche per le persone con disabilità devono essere pensate e realizzate all’interno delle politiche generali, rivolte a tutti i cittadini, creando le condizioni di parità e di risposta alle esigenze specifiche delle persone con disabilità. Ad esempio nella costruzione degli edifici non si deve più parlare di eliminazione delle barriere architettoniche; ma è necessario progettare e realizzare edifici accessibili a tutti, anche alle persone che temporaneamente o stabilmente si trovano nella condizione di disabilità.
Le prime barriere che portano all’esclusione sociale e alla discriminazione sono innanzitutto le barriere culturali. Ne consegue allora che l’integrazione sociale si realizza attraverso interventi finalizzati a eliminare la discriminazione sociale, a incentivare le azioni positive, favorendo in tutti i modi la partecipazione attiva delle persone ai processi e ai percorsi di cui loro stessi sono i primi destinatari”.

Il tema sulla disabilità e sul disagio sociale è vasto e complesso, per non dire delicato, ma noi insieme dobbiamo creare un progetto volto a garantire i diritti dei disabili e volto sopratuttoalla sensibilizzazione del tema in questione. Quindi dobbiamo occuparci di sviluppare alcuni punti fondamentali ed essenziali creando un progetto specifico. Un progetto che potremmo chiamare "Lo so chi ci sei"....:

  1. Disabilità adulta e nascosta: gli obiettivi del progetto
    Il percorso del progetto "Lo so che ci sei" deve proporre un metodo e un percorso
    di buona prassi per rilevare il disagio sommerso. Il suo principale obiettivo è
    quello di condurre e produrre un cambiamento, nel significato di “educare”,
    ovvero stimolare una riflessione, incidere concretamente sul disagio esistente e
    attivare pratiche di intervento innovative.
  2. Rafforzare il volontariato, le sue “competenze” e il suo ruolo.
    Un primo obiettivo del progetto va nella direzione di rafforzare il
    volontariato, partendo dall'assunto che soltanto un volontariato competente,
    formato e consapevole del proprio ruolo, delle proprie possibilità e dei propri
    limiti, sia davvero capace di interventi efficaci e proficui.
    Il volontariato maturo é infatti collaborativo e capace di interagire in
    modo costruttivo con i Servizi, evitando di cadere nell'errore
    dell'autoreferenzialità, interagendo con gli operatori degli enti titolari dei servizi
    sociali e sanitari, nei confronti dei quali assumere un ruolo il più possibile
    complementare e il meno possibile di sostituzione.
    Affinché la collaborazione sia positiva ed efficace dev'esserci una
    conoscenza stretta e propositiva, al di là di ogni possibile divergenza, anche tra i
    volontari delle diverse realtà di un medesimo territorio, capaci di unirsi per
    affrontare un problema comune.
  3. Ragionare sui bisogni della disabilità e delle loro famiglie
    Un secondo obiettivo specifico del progetto é quello di esaminare la
    situazione del disagio vissuto da persone e famiglie con figli disabili. Questo
    significa ragionare su vissuti, sentimenti di vergogna e di colpa, depressione,
    frustrazione e rabbia che possono accompagnare, nei diversi momenti del
    proprio percorso di vita, le persone disabili e i loro famigliari.
    Occorre concentrare l'attenzione anche sugli aspetti specifici
    dell'interazione con la società, a partire dall'infanzia fino alla scuola e
    all'inserimento possibile nel mondo del lavoro, conoscendo i vari bisogni che
    emergono nei diversi momenti.
    Si ha la necessità di soddisfare bisogni di diverso tipo e che si possono
    disporre in scala gerarchica, in ordine di importanza “crescente”:
     bisogni fisiologici (alimentazione, vestiario)
     bisogni di sicurezza (integrità, salute)
     bisogni sociali (relazione, affetti)
     bisogni di stima (competenza, approvazione, riconoscimento)
     bisogni cognitivi (studio, comprensione della realtà, pensiero)
     bisogni estetici (ordine, bellezza)
     bisogni di autorealizzazione (soddisfazione, sviluppo di sé)
    La conoscenza e la progettazione su un soggetto sociale deve partire da
    un'iniziale fotografia dei suoi bisogni, e tale “scala” può essere uno strumento
    adeguato quale base di partenza.
    Il volontario deve comprendere la difficoltà nell’esternare i bisogni e le
    differenze che possono esistere nelle persone disabili, per capire i quali è
    necessario un atteggiamento particolare, come riporta questa esperienza da
    parte di altri volontari :
    “…non si chiede ad un disabile, soprattutto mentale, cosa desidera, quali sono
    le sue aspettative, dove vuole andare, cosa vuole fare, chi vuole incontrare:
    spesso si pensa implicitamente che un handicappato non possa sapere cosa
    vuole, occorre che altri glielo spieghino. Non stupisce che ne derivino processi
    di infantilizzazione, che fanno regredire a stadi di capriccio o di
    accondiscendenza passiva.”
    Comprendere i vissuti e essere capaci di interagire in modo proficuo non é un
    compito facile, ma allo stesso tempo é un obiettivo al quale ci si può avvicinare.
  4. Favorire una relazione tra territorio e persone con disabilità
    Un terzo obiettivo é quello di facilitare e rendere possibile la nascita di
    relazioni tra i volontari di associazioni diverse di uno stesso territorio, iservizi sociali e i destinatari dei servizi, affrontando un problema comune che li riguarda tutti, in quanto cittadini che abitano e condividono gli stessi spazi e gli stessi luoghi.
    La relazione deve nascere inoltre tra i volontari e i disabili e i loro
    famigliari. Appare una sfida oggi particolarmente difficile e quindi tanto più
    urgente, considerando la tendenza delle persone a occupare il tempo libero
    all'interno delle proprie abitazioni e a prestare una notevole attenzione alla
    “difesa” della propria privacy. Le relazioni sul territorio sono peraltro in rapida
    trasformazione, come testimonia la scarsa importanza assunta dai legami di
    prossimità, per cui oggi é “normale” instaurare relazioni che non tengono conto
    dello spazio e delle distanze.
    Le relazioni di vicinato, nondimeno, rivestono una notevole importanza
    per le stesse pratiche di cura e la loro assenza si ripercuote soprattutto sulle
    fasce più deboli della popolazione: “le modalità della convivenza sono cambiate,
    le persone instaurano legami sociali a distanza, basati sulla condivisione di ideali
    ed esperienze piuttosto che sulla contiguità spaziale e sui contatti di quartiere e
    questo pone i soggetti più deboli ulteriormente ai margini della società e della
    vita di relazione nella comunità........ Il territorio rappresenta sia il luogo di
    intervento per un'ipotetica azione risocializzante, sia un contenitore di risorse
    naturali che possono essere attivate al fine di mantenere l'utente nella propria
    rete di appartenenza e fare in modo che da questa venga positivamente
    sostenuto” .
    Pensare alle comunità locali come promotrici di benessere significa
    peraltro affrontare il concetto stesso di comunità, per molti ormai desueto e
    inapplicabile:
    “Assistiamo oggi ad un generale depotenziamento delle reti fondate sulla
    condivisione e sulla prossimità territoriale e lavorativa, mentre sopravanzano le
    reti caratterizzate dalla complementarietà. Il più delle volte ci troviamo a fare i conti con un contesto in cui è prevalente la cultura del frammento e della separazione: il territorio non esprime una cultura di comunità, non é vissuto e non si manifesta come soggetto collettivo.
    Inoltre, il territorio non esprime un'unica comunità indistinta, ma esistono le
    sotto comunità o delle comunità di settore che vanno dalla famiglia,
    all'associazione di volontariato, al condominio, alla parrocchia, all'impresa
    artigiana, all'azienda, al servizio del territorio, ecc. L'obiettivo da perseguire appare essere quindi quello di favorire, laddove possibile, la nascita di una “rete” fatta da persone che vivono sul territorio, capace di interagire tra loro, vedere e conoscere il proprio contesto, per dare risposte tempestive alle diverse forme di disagio, immediatamente visibili o
    nascoste.
    Favorire la nascita della relazione significa essere sicuri che i volontari
    abbiano una “preparazione”, una forma mentis - intesa soprattutto come
    capacità di ascoltare - tale da permettere di accogliere e comprendere appieno i
    disagi e i vissuti delle famiglie, ed instaurare una valida relazione di vicinato o di
    prossimità.
  5. Quantificare i numeri della disabilità
    L'obiettivo di conoscere i numeri del disagio nascosto é certamente
    secondario nel progetto; nondimeno, i dati raccolti possono fornire
    certamente utili indicazioni da un punto di vista quantitativo.
    Si propone di scrivere “nero su bianco” le situazioni di disagio
    conosciute in ciascun territorio, quale modalità, in primo luogo, capace di
    attivare un percorso di riflessione e di crescita (empowerment) del volontariato
    stesso. Allo stesso tempo, tuttavia, le informazioni raccolte sul disagio possono
    essere aggregate e diventare un modo per ottenere indicazioni di più ampio
    raggio.
    Sintetizzando i dati, anonimi e in forma aggregata, si ottengono preziose
    informazioni circa la qualità della vita e sulle situazioni familiari più a rischio,
    capaci di instaurare una relazione di aiuto. I dati più rappresentativi ed esaustivi
    di alcuni Comuni possono anche permetterci di proporre stime indicative ad un
    livello più ampio.
    Le disabilità e le situazioni di disagio che restano nascoste oggi scontano il
    problema di non essere facilmente quantificabili e di essere quindi soggette a
    valutazioni prevalentemente qualitative. Si tratta, comprensibilmente, di una
    rilevante carenza nell'ottica di predisporre i servizi sul territorio, poiché non si
    conosce il numero complessivo di disabili né tantomeno un'opportuna
    suddivisione per fasce di età, per Comune di residenza o per tipologia di disagio.
    Risultano inoltre assenti i numeri per ragionare sui vissuti quotidiani e su altre
    problematiche, che i disabili e loro famiglie devono affrontare.
    L'assenza di dati certi nel settore delle disabilità é tuttavia un problema
    noto da molti anni e riguarda l'intero territorio nazionale. Recentemente l'ISTAT
    ha cercato di affrontare l'argomento con un'indagine specifica. I risultati su scala
    nazionale sono tuttavia poco interessanti, poiché attualmente le informazioni
    desumibili dalle certificazioni non sono utilizzabili per vari motivi, quali la
    complessità della materia di cui si tratta, l'assenza di coordinamento nel
    territorio, la non uniformità delle definizioni utilizzate, l'assenza di
    informatizzazione di dati e, più in generale, di un progetto di analisi e di utilizzo
    degli stessi. La grande maggioranza delle certificazioni, infatti, é solo su
    supporto cartaceo, ed é perciò impossibile fare analisi e approfondimenti sui
    dati.
  6. Far emergere e denunciare il disagio nascosto
    Un altro obiettivo del progetto potrebbe essere quello di lavorare per l'emersione del
    disagio “nascosto”, ovvero sulle situazioni di persone, disabili e famiglie, che
    vivono in solitudine la disabilità.
    Il numero di situazioni poco conosciute, sia da parte dei Servizi ma
    soprattutto da parte dei cittadini, a partire talvolta dagli stessi vicini di casa,
    appare essere relativamente elevato. In molti casi le famiglie che convivono con
    il disagio si sono “chiuse”, per effetto di un graduale processo che le ha portate
    ad isolarsi e a concentrare l'attenzione nella convivenza con la persona che vive
    il disagio, come può essere il figlio disabile. La compresenza di sentimenti di
    vergogna, di sensi di colpa, frustrazione e rabbia, unitamente all'assenza di
    opportunità concrete per un’integrazione sociale soddisfacente, sono all'origine
    di un atteggiamento che rende difficile costruire relazioni significative da parte
    delle famiglie.
    Nel caso delle persone disabili, esse vivono per la maggior parte della loro
    vita seguite dai servizi sociali e sanitari competenti, anche se una parte non
    trascurabile vive il proprio disagio in solitudine, seguita in modo insufficiente e
    in qualche modo, per dirla con le parole stesse di alcuni famigliari, “dimenticati
    dalla società”, ovvero dai servizi e dalla società civile, dai concittadini, dai
    compaesani.
    Tali considerazioni sono confermate da altre esperienze: “Il tema
    fondamentale che caratterizza le biografie di soggetti in condizione di grave
    marginalità è il contesto di abbandono. Questa caratterizzazione trova due
    direzioni, la prima è rivolta alle dinamiche relazionali, mentre la seconda fa
    riferimento alla percezione che il soggetto ha di se stesso” . Il percorso di progressivo isolamento può essere lento e comincia “quando
    i ragazzi disabili terminano la loro presenza nel sistema dell’obbligo scolastico,
    dopodiché si pongono significativi problemi legati alla qualità della loro vita
    relazionale e sociale, dalla gestione della quotidianità alla ricerca di fruizione di
    spazi di vita più sociali (come l’andare al mercato, in un locale pubblico, in un
    negozio, ecc.). Tutto tende a ricadere sui genitori, e in particolare sulla madre,
    limitando potenzialità, sovraccaricando persone, rischiando di portare alla
    richiusura e all’isolamento microsistemi familiari.
    Questo riguarda sia le disabilità dalla nascita sia le forme di disagio
    acquisite nel corso della vita, quali possono essere le disabilità dovute ad un
    evento traumatico, come conseguenza, ad esempio, del verificarsi di un
    incidente automobilistico o sul lavoro:
    “Chi è stato sano e poi diventa 'meno abile' si percepisce finito. Il venire
    meno dell’efficienza del corpo in una società come la nostra è drammatico.
    Queste disabilità sono tra quelle forse meno visibili sul territorio, meno
    manifeste, proprio perché subentrano in età giovanile, adulta o anziana, e chi
    ne è toccato è anche al di fuori dai circuiti che favoriscono o forzano una
    relazionalità, quali ad esempio quelli scolastici.
    Chi ha un handicap che sopraggiunge in età giovanile o adulta perviene
    ai servizi specialistici della riabilitazione seguendo strade più individuali, e
    anche la sua fruizione di questi servizi è di tipo individuale, spesso isolata da
    circuiti relazionali. Il rapporto con i servizi sociali è spesso di tipo funzionale,
    per il fatto che chi ha malattie o traumi invalidanti in genere vi si rivolge per
    ottenere sussidi o per motivi normativi e la relazione rischia di fermarsi su
    questo.
    Così, alla riposta tecnica o tecnico riabilitativa, in molti casi anche
    molto avanzata, corrispondono spesso molti percorsi affrontati in solitudine di
    ricostruzione di una nuova prospettiva di vita affettiva, sociale, lavorativa.
    Anche la disabilità legata alla malattia mentale fa fatica a manifestarsi
    sul territorio. Resta chiusa dentro i circuiti della famiglia o dei servizi
    specialistici. Dimensioni quali la vergogna, lo stigma, la paura di noncontrollabilità
    delle situazioni giocano ancora un ruolo forte nel rendere
    difficile il vivere queste disabilità entro circuiti più relazionali.”.
    Rilevare le disabilità “nascoste” di tipo fisico e mentale sul proprio
    territorio può allora essere il primo passo da compiere per far uscire allo
    “scoperto” situazioni di solitudine e di isolamento, proprie di quelle persone che
    vivono un disagio e delle loro famiglie.
  7. Preparare al “dopo di noi”
    Un ultimo obiettivo specifico é quello di sensibilizzare sul tema dell'inevitabile separazione del figlio disabile dai propri genitori. Questo evento dev'essere vissuto con serenità, ed affinché sia il meno possibile traumatico, occorre una preparazione che deve avvenire
    necessariamente quando i genitori sono ancora vivi, “durante il noi”.
    Il tema é sempre più attuale in quanto, oggi più che un tempo, un numero
    sempre maggiore di disabili raggiunge l’età adulta e anche la vecchiaia. Questo
    significa “l’individuazione di un problema: il 'dopo di noi', che riguarda la vita di
    un soggetto sopravvissuto ai genitori. Un problema, o un tema, che non
    dovrebbe essere affrontato improvvisamente, al momento della perdita
    parentale. Questa prospettiva ha bisogno di essere confortata lungo tutto un
    percorso che veda la possibilità di avere e valorizzare una rete sociale attiva,
    non solo spontanea o spontaneista ma anche professionale, tale da permettere
    di prospettare un percorso per tutta la vita, attivando delle attenzioni in questa
    prospettiva”.
    Ragionare sul 'dopo di noi' significa allora porsi l'obiettivo di effettuare un
    intervento di 'prevenzione secondaria', agendo sulle reti di vicinato: “I membri
    delle reti vivono in effetti una permanenza nel tempo e una prossimità fisica e
    affettiva che permette loro di percepire i sintomi ben prima degli operatori e di
    collaborare con essi. l'operatore dovrà identificare le situazioni a rischio e
    lavorare con le reti su tre registri:
    -sensibilizzare le reti in merito ai rischi e ai pericoli presenti;
    -far maturare il loro senso di responsabilità nei confronti di tali rischi e
    pericoli;
    -far emergere una vigilanza collettiva.
    Anche in questo caso, quindi, le reti di vicinato e di prossimità hanno un'
    importanza particolare, poiché si chiama in causa la loro competenza che
    proviene dalla loro stabilità e permanenza nello stesso ambiente delle persone
    in difficoltà” .

Non dimentichiaoci, inoltre, che è importante fare l'analisi per l’integrazione dei servizi volti alla prevenzione o alla riduzione del disagio sociale dei giovani utenti del sistema dell’istruzione e della formazione. IBisogna coinvolgere istituti scolastici e centri di formazione differenti, avendo come primo obiettivo l’analisi della situazione esistente sul territorio, caratterizzato dalla presenza di numerose iniziative relative a questi temi, condotte però in maniera non integrata e quindi con un elevato rischio di spreco di risorse e di mancata patrimonializzazione dei risultati,
ma devono essere realizzate con metodologie affini, in maniera da garantire la condivisione dei risultati, anche attraverso tavoli di confronto periodici coordinati, tra i servizi sociali e le istituzioni coinvolte. Le aree tematiche potrebbero essere in riferimento ai seguenti campi d’azione:
- orientamento-riorientamento-dispersione;
- stranieri (accoglienza e processi inclusivi);
- il disagio giovanile;
- la scuola aperta.

Questo è un progetto che presenterò sicuramente come argomento di Tesi... potrebbe essere utile!!!!

Valentina Spata

martedì 25 novembre 2008

RECESSIONE!!!!!!!


Recessione!L'economia sta navigando nella bonaccia. L'Ocse, nel suo Economic Outlook pubblicato questa mattina, annuncia stime peggiori rispetto le precedenti previsioni di crescita per Eurolandia. L'Europa dei Quindici avrà un saldo positivo pari all'1% nel 2008, una contrazione nel 2009 pari al -0,6% e una risalita per il 2010 con crescita pari al 1,2%. Discorso più cupo per l'Italia dove la recessione già iniziata quest'anno (-0,4%) proseguirà per gran parte del 2009 (-1,2%).A differenza di quanto si ostini a proclamare il premier durante l'Assemblea dell'Unione degli Industriali e delle Imprese, dove raccomandando ottimismo, ritorna sulla cantilena, distorta e corrotta, che anche questa volta è colpa del governo precedente – quel governo che già per due volte risanò l'economia italiana dalla pessima gestione degli esecutivi di Berlusconi, ndr – l'Ocse mostra dati differenti da quelli propagandisti della maggioranza. L'Economic Outlook del'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico prevede “ulteriori cali del prodotto interno lordo fino a fine 2009” a fronte di “condizioni creditizie interne più difficili”, della crisi finanziaria globale e delle “continue perdite di competitività sui costi”.Il capo economista Klaus Schmidt-Hebbel, nel suo editoriale, allarga l'area recessione a quasi tutti i 30 paesi dell'Ocse. Una “recessione durevole” che non si vedeva dall'inizio degli anni '80 e che è figlia del “blackout finanziario seguito alla bancarotta di Lehman Brothers”. Le stime anticipate lo scorso 13 novembre indicavano rispettivamente +1,1% per il 2008, -0,5% per il 2009 e +1,2% per il 2010. “Le incertezze relative a questa versione dell'Outlook sono eccezionalmente elevate, specialmente per quanto riguarda la velocità con cui la crisi dei mercati finanziari sarà superata'', ha spiegato Schmidt-Hebbel che prevede, in particolare, un ritorno della deflazione in Giappone.E il capo economista ha aggiunto che, nel complesso, “preoccupa particolarmente la possibilità che la debolezza dell'economia reali peggiori la crisi finanziaria portando ad ''un'ulteriore riduzione dell'indebitamento, ad un inasprimento creditizio e ad ulteriori pressioni per l'economia reale, inclusa la possibilità di deflazione”.L'Ocse ha consigliato i paesi nell'attuare misure di riduzione della pressione fiscale o di trasferimenti ai redditi più bassi perché più adatti ed efficaci nel sostenere i consumi. Da evitare invece investimenti nelle infrastrutture. “Nelle attuali condizioni di estremo stress finanziario, accanto alla politica monetaria i paesi che hanno spazio di manovra in termini di bilancio dovrebbero agire anche sulla leva fiscale”.Nell'analisi del del nostro paese, l'Ocse ha spiegato che le famiglie italiane “probabilmente resteranno caute sui consumi e la crescita dei consumi potrebbe non riprendere se non alla fine del 2009”. Davanti ad “forte aumento della quota dei redditi destinata ai risparmi nel 2008, si aspetta un aumento della disoccupazione fino a tutto il 2009”.Si legge nell'Economic Outlook che l'Italia “nelle attuali circostanze dovrebbe essere messa in grado di utilizzare gli stabilizzatori automatici. I tagli al pubblico impiego dovrebbero essere realizzati con attenzione, per contribuire a migliorare l'efficienza e per ottenere risparmi fiscali”. A causa della recessione già in corso, del suo protrarsi nel 2009 e dell'aumento dei premi di rischio pagati dai titoli di Stato italiani, l'Italia “si ritroverà con le finanze pubbliche indebolite nonostante abbia pianificato un consolidamento”. Come a dire che l'ottimismo si ottiene con fatti concreti di miglioramento. Non con battute.Per Stefano Fassina, consulente economico del governo ombra del PD “le misure preannunciate sono ancora inadeguate. Purtroppo sono state disperse notevoli risorse con la completa eliminazione dell’Ici e con la gestione della vicenda Alitalia, che ha visto scaricare i debiti della compagnia sui contribuenti. Se poi a ciò si aggiunge la crescita dell’evasione, si arriva a quasi dieci miliardi di euro sottratti ad interventi anticiclici a sostegno delle famiglie e delle imprese. L’ottimismo lo si alimenta con interventi adeguati e fino ad oggi si è fatto troppo poco. Inoltre preoccupano le parole del ministro Sacconi, che ha fatto capire come non ci siano risorse sufficienti per sostenere le centinaia di migliaia di precari che perderanno il posto di lavoro nei prossimi mesi. Il Pd continuerà a fare la sua parte e riproporrà le sue ricette per affrontare la crisi. Speriamo che questa volta il Governo ci dia veramente ascolto come ha dichiarato il ministro Tremonti.“E’ arrivato il momento di smetterla con gli annunci a effetto e iniziare ad agire su alcune priorità significative, senza disperdere i pochi soldi a disposizione in mille rivoli”. Lo ha dichiarato il senatore del PD, Tiziano Treu, a proposito di quanto affermato dal premier Berlusconi sulla crisi economica. “Le priorità su cui intervenire sono due. La riforma degli ammortizzatori sociali, soprattutto per sostenere i redditi di migliaia di lavoratori precari e non e il sostegno ai salari e alle pensioni medio basse. Per realizzare questi obiettivi sono necessarie innanzitutto più risorse che bisogna trovare sia continuando la lotta all’evasione fiscale, sia evitando di disperdere fondi, ad esempio, sul sostegno agli straordinari che non ha nessun senso. Infine, come ha suggerito oggi Boeri, per sostenere le famiglie che arrancano sempre di più per arrivare a fine mese, si può risparmiare sugli interessi sul reddito che calano per la crisi”."Le misure anti-crisi annunciate del governo sono, a nostro parere, ancora insufficienti. È positivo, invece, il segnale politico lanciato dal premier eda Tremonti sulla “collaborazione” di tutti; ma ad esso devono seguire i fatti, quindi un confronto concreto sulle nostre proposte". Così ha commentato Giorgio Tonini, coordinatore dell'Area Studi, Ricerca e Formazione del PD. "Per ora gli interventi dell’esecutivo sono apparsi squilibrati: l’inopportuna abolizione dell’Ici per tutti (compresi coloro che non avevano affatto bisogno di questo regalo) ha disperso risorse ingenti, e di fronte a questo la tessera dei poveri a 40 euro al mese, ispirata a un “capitalismo compassionevole” fuori moda e fuori luogo, è una misura davvero troppo limitata; non c’è nulla per le tredicesime, mentre si insiste, nonostante il parere negativo della stessa Confindustria, sugli straordinari, ininfluenti in questa fase del ciclo economico. Chiediamo quindi al governo di confermare la disponibilità manifestata finalmente in queste ore e di discutere sul sostegno a salari e pensioni, sugli ammortizzatori sociali, sull’occupazione femminile, sulla lotta alla povertà, su un nuovo modello di Welfare; insomma sul pacchetto di proposte che il PD ha messo in campo da tempo."Le misure annunciate dal governo per fronteggiare la crisi ci sembrano insufficienti. Apprezziamo che l'Esecutivo voglia convocare le parti sociali e le aziende ma ci sembra necessario mettere con urgenza mano a misure concrete". Lo ha affermato Anna Finocchiaro, Presidente del Gruppo del PD al Senato. "Per farlo non servono annunci spot e non serve spargere falso ottimismo come fa, anche oggi, il Premier. Serve stabilire l'entita' delle risorse - ha continuato la Finocchiaro - e sulla base di questo individuare le misure che devono interessare le famiglie, gli stipendi e le pensioni dei lavoratori"."Il PD ha presentato le sue proposte e il Governo, se davvero vuole metter mano alla crisi, dovrebbe recepirle a cominciare dalla detassazione delle tredicesime e da un intervento sugli ammortizzatori sociali. Per poter prendere misure strutturali serve un intervento da un punto di pil, come ha affermato anche oggi Bersani". "La crisi e' grave e l'Esecutivo deve avere il coraggio di dire che l'impostazione della sua Finanziaria mal si concilia con la crisi che ci sta aggredendo". "Ci auguriamo - ha concluso Anna Finocchiaro - che il Governo tenga conto delle nostre osservazioni e voglia lavorare nella direzione giusta. Se lo farà troverà orecchie attente".

POLEMICHE SUL COMUNICATO DEI GIOVANI PD MANDATO DALLA REFERENTE VALENTINA SPATA!!!!!!!!!!!!!!!!!


INIZIA TUTTO COSI'..............
VALENTINA SPATA, RESPONSABILE DEI GIOVANI PD RAGUSA, VICINA INSIEME A TUTTO IL SUO GRUPPO AI AGLI STUDENTI DI SCIENZE SOCIALI, SCRIVE IL SEGUENTE COMUNICAO STAMPA:

giovani del PD di Ragusa, sono vicini agli studenti e alle famiglie coinvolti nella grave questione del corso di Laurea di Scienze Sociali di Modica e che si dicono “ingannati” dalla facoltà di Scienze Politiche di Messina poichè hanno fatto pagare le tasse e compilare i moduli di iscrizione agli studenti e poi non hanno attivato il corso. “C’è, inoltre, da dire – spiega la responsabile dei Giovani PD, Valentina Spata - che è assurdo ed incomprensibile come l'ateneo di Messina abbia potuto fare pagare le tasse ancor prima di far fare agli studenti il test d'ingresso”. I giovani del PD di Ragusa, chiedono al Magnifico Rettore ed al Consorzio Universitario, chiarezza e serietà, ed inoltre, auspicano che la situazione sia risolta nel più breve tempo possibile perchè, dopo aver pagato le tasse e dopo aver perduto tanto tempo, gli studenti che devono iniziare il primo anno accademico, hanno il diritto di avere ciò che gli spetta: studiare. “Vorrei fare notare – aggiunge la Spata - che la nostra solidarietà nei confronti di studenti e famiglie è un atto da non criticare ma da prendere come esempio, visto che si tratta di cittadini che ci hanno chiesto aiuto e comprensione e visto che tali cittadini hanno pagato un’esosa cifra (315 euro) per poter permettere ai loro figli di proseguire il percorso di studi. Io e tutto il gruppo dei giovani del PD di Ragusa, non rimaniamo indifferenti ad una grave e assurda situazione, anzi rimarremo sempre a disposizione degli studenti. Posso aggiungere che la riunione con il consiglio di amministrazione del Consorzio Universitario, è risultata positiva e propositiva. Per questo mi preme ringraziare i componenti del cda, presenti per la loro disponibilità e comprensione”.

BENE VIENE PUBBLICATO IL COMUNICAO STAMPA SU R.T.M. E INIZIANO I COMMENTI DI TOMMASO AGOSTA, GIOVANE DEMOCRATICO DI MODICA:


I giovani del PD di Ragusa vicini agli studenti universitari di Scienze Sociali di Modica ancora in attesa dell'avvio delle lezioni

Onestamente mi chiedo cosa difendano i ragazzi del Pd del circolo di Ragusa...Quale valore aggiunto ha portato questo decentramento a Modica? Quale formazione di eccellenza viene offerta a Modica?Quale mercato del lavoro soddisfa questo corso di Laurea a Modica?Quale offerta culturale ha portato a Modica un decentramento di uno dei peggiori Atenei italiani?Ecco, quando avremo risposte convincenti a questi interrogativi allora scenderemo tutti in piazza.Per il momento rimane la sensazione (ma anche qualcosa di più, perchè non si parla certo per sensazioni) che i decentramenti della provincia di Ragusa (come tutti gli altri del resto) siano serviti solo a produrre costi ENORMI per la collettività...Fra convenzioni, infrastrutture, interessi sul debito, consigli di amministrazione e consorzi la nostra comunità ha investito milioni e milioni di euro: CON QUALE RITORNO PER IL TERRITORIO?

VALENTINA RISPONDE:

I giovani del PD di Ragusa vicini agli studenti universitari di Scienze Sociali di Modica ancora in attesa dell'avvio delle lezioni


I giovani del PD di Ragusa, sono vicini agli studenti e alle famiglie che sono state ingannate dalla facoltà di Scienze Politiche di Messina poichè hanno fatto pagare le tasse e compilare i moduli di iscrizione agli studenti e poi non hanno attivato il corso.Inoltre, c'è da dire che è assurdo ed incomprensibile come l'ateneo di Messina abbia potuto fare pagare le tasse ancor prima di far fare agli studenti il test d'ingresso.I giovani del PD di Ragusa, chiedono al Magnifico Rettore ed al Consorzio Universitario, chiarezza e serietà, inoltre, auspicano che la situazione sia risolta nel più breve tempo possibile perchè, dopo aver pagato le tasse e dopo aver perduto tanto tempo, gli studenti che devono iniziare il primo anno accademico, hanno il diritto di avere ciò che gli spetta: studiare!!!!Concludo col far notare al giovane Tommaso Agosta, che la nostra solidarietà nei confronti di studenti e famiglie è un atto da non criticare ma da prendere come esempio, visto che si tratta di cittadini che ci hanno chiesto aiuto e comprensione e visto che tali cittadini hanno pagato una esosa cifra (315,00) per poter permettere ai loro figli di proseguire il percorso di studi.Io e tutto il gruppo dei giovani del PD di Ragusa, non rimaniamo indifferenti ad una grave e assurda situazione, anzi rimarremo sempre a disposizione dgli studenti.Inoltre, comunico che la riunione con il cda del Consorzio Universitario, tenutasi oggi alle 18.00 è risultata positiva e propositiva.Ne approfitto per ringrazire i componenti del cda, oggi presenti per la loro disponibilità e comprensione.Nella speranza che il giovane Tommaso Agosta la prossima volta si informi bene prima di scrivere e ribadire ciò che non sa, mi auguro che al più presto avremo risposte soddisfacenti.
La responsabile dei Giovani PD
Valentina Spata

TOMMASO AGOSTA CONTINUA I COMMENTI:
A VALENTINA: Saluto Valentina che ringrazio anzitutto perchè ha ricordato più di una volta che sono giovane il che è un grande complimento.Sono giovane, sono uno studente universitario...ma conosco anche abbastanza bene il mondo produttivo per varie ragioni anche lavorative.E per questa ragione continuo a non capire la posizione con cui qualcuno, per la verità ormai davvero pochi, proseguano in questa insensata difesa dello spreco.Ora, cara Valentina, io quando parlo sono sempre ben informato tu evidentemente no...Nel tuo comunicato stampa non ti rendi conto che, secondo la tua logica, l'interesse di pochi dovrebbe diventare ragione di battaglia collettiva...Quanto costa ai modicani mantenere il lusso dell'università sotto casa? Hanno pagato le tasse? Bene vadano a fruire del servizio a Messina non vedo dove sia il problema lo hanno fatto miliardi di persone cosa hanno queste decine di studenti più degli altri? Il problema è se siamo d'accordo o meno sulla scelta di chiudere i decentramenti...Credo che ancora gli ideologi dell'università di quartiere (che, ripeto, sono sempre meno) non si rendano conto del male che stanno arrecando ai territori, ai giovani ed al mondo della formazione e delle imprese...Si facessero un giro in Germania o in qualche altro paese sviluppato dell'Occidente e vengano a raccontarmi se quelle esperienze formative sono anche solo lontanamente paragonabili a quelle della provincia di Ragusa... Mi chiedo quale sia il NESSO LOGICO fra gli insediamenti formativi iblei e il tessuto produttivo ibleo...Cosa ne guadagnano le imprese, cosa ne guadagna la collettività, cosa ne guadagnano gli studenti dei decentramenti?Giù la maschera...volete i decentramenti? Bene raccontate alla gente quanto paga DAVVERO per mantenersi questo "lusso mediocre"...Lasciatevi però dire che mai battaglia fu più anacronistica e mai "sinistra" fu più conservatrice...Continuate a tutelare i baronati e continuate a proteggere privilegi assurdi che il nostro sistema semplicemente non si può permettere...Se il Comune di Modica spendesse la stessa cifra che spende per l'Università in finanziamenti alle imprese ne trarremmo certamente più benefici...se li avessimo investiti per il sostegno alle famiglie avremmo servizi sociali più efficienti...Tutto sarebbe meglio...ma sprecare per una formazione di scarso livello senza nemmeno le strutture minime (prova a cercare testi di filosofia politica presso la biblioteca di Sc. dell'Amministrazione) e senza alcun nesso con l'economia locale (eccezion fatta per Agraria) è pura follia...Saluti giovane Valentina.

VALENTINA IERI, 24 NOVEMBRE, RISPONDE:
Ciao Tommaso, scusami se non ti ho risposto subito ma sono stata fino ad ora a festeggiare per il risultato che ho ottenuto alle primarie dei giovani del PD. Cmq alla tua risposta riguardo il mio comunicato, voglio innanzituto farti presente che il mio non è un complimento perchè cmq rientri nella fascia dei giovani e quindi si tratta della pura realtà; invece ritengo che debba farmi dei complimenti!!Poi voglio comunicarti che anche io conosco il mondo produttivo, visto che ho un'attività mia e visto che lavoro da quando avevo 14 anni, ma ciò non vuol dire che ritengo uno spreco l'università di modica. allora anche a Catania l'università è uno spreco? La soluzione c'è, io penso che se c'è una migliore organizzazione e una riduzione di costi, l'università in Provincia di Ragusa può diventare un beneficioper tutti.Poi voglio ricordarti che in Scienze sociali gli iscritti sono più di 300 e non una decina di studenti. In ogni caso io non mi nascondo dietro nulla: sono a favore dei decentramenti e lotterò con tutta la mia forza per non farli chiudere. Mi sembra che sono stata a manifestare senza nascondemi.......Questa è la mia posizione, chiara e decisiva. Penso, inoltre che non serve dire quasi con arroganza agli studenti "di quartiere" di andarsi a fare un giro fuori dall'Italia, anche perchè io ho vissuto all'estero e posso garantire che la scuola e l'università non si avvicinano minimamente al modello italiano, quindi nn si possono fare paragoni.In ogni cso reputo assurdo il fatto che il Caro amico Tommaso, possa fare i conti in tasca alle famiglie iblee, dicendo loro di mandare a studiare a Messina i loro figli anzichè a Modica. Non mi sembra sia questo il modo di dialogare e risolvere i problomi del nostro territorio. Io sono e rimarrò sempre vicino agli studenti e alle famiglie e se loro mi chiedono di difendere i loro diritti rimmarrò sempre disponibile, come di solito faccio. E mi sembra che i risultati si vedono!!!!
Saluti al Caro amico Agosta.

BRAVA VALENTINUCCIA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

CONTINUA LA RCCOLTA FIRME PER L'ATTIVAZIONE DEL 1 ANNO DI SCIENZE SOCIALI


Cari ragazzi,
dopo aver manifestato il 20 novembre 2008, davanti il consorzio Universitario a Ragusa, dopo che siamo stati a parlare con il presidente della Provincia e dopo aver parlato con i deputati del Consorzio Universitario la sera stessa, siamo riusciti a far riprendere le attività universitarie con l'attivazione del 2 e 3 anno in Scienze Sociali a Modica.

La situazione rimane sospesa, invece per il 1 anno: parlando con i deputati, ci è stato promsso che entro domani 26 novembre, dopo che i deputati stessi andranno a Messina per dialogare con il Magnifico Rettore, sapremo il destino della facoltà di Scienze Sociali di Modica.

Intanto, gi studenti rimangono in stato di agitazione, mettendo uno striscione di prtesta all'interno della facoltò ed avviando anche una petizione popolare.
La raccolta firme è iniziata domenica mattina, presso piazza Matteotti a Modica e sta continuando in tutta la Provincia.
Per chi volesse aderire basta contattare me oppure il nostro consigliere di facoltà Marco Santoro che si sta occupando di persona del caso in questione.

Vi ringrazio!!!
Valentina Spata

ARTICOLO GIORNALE DI SICILIA!!!!!!!!!11


CLICCA SOPRA L'ARTICOLO PER LEGGERLO!!!!!!!!!!!!!!!

lunedì 24 novembre 2008

COMUNICATO STAMPA DI FABIO NICOSIA CONSIGLIERE PROVINCIALE PD

RINGRAZIO FABIO NICOSIA, IL CONSIGLIERE PROVINCIALE DI VITTORIA DEL PD PER LA SUA DISPONIILITA' E PER IL MERAVIGLIOSO SOSTEGNO A MIO FAVORE.
A BREVE CHIEDERO' A LUI UN INCONTRO PER AVERE UNA COLLABORAZIONE RECIPROCA E PER FAR SI' CHE A VITTORIA RINASCA UN GRUPPO GIOVANILE FORTE E ATTIVO.
SOTTO IL COMUNICATO DA LUI SCRITTO. GRAZIE ANCORA.




comunicato stampa del 23-XI-08 FABIO NICOSIA - cons provinciale

Elezioni Primarie per Segretario Nazionale, Assemblea Nazionale , Assemblea Regionale

Si riparte dai giovani !
Presto l'apertura di una sede, aperta anche ai giovani del PD

Sono stato coinvolto e favorevolmente impressionato dal movimento giovanile del Partito Democratico che si sta creando in Provincia di Ragusa .
Le elezioni coordinate dal giovane Giovanni Spata e autogestite dai ragazzi del PD , hanno segnato una buona partecipazione in gran parte dei Comuni e l'emergere di giovani che devono essere già da ora considerati importanti e primarie risorse per il nostro Partito.
Auguri al nuovo segretario Fausto Raciti, complimenti a tutti i i ragazzi che si sono impegnati come candidati, presidenti di seggio , scrutatori, a tutto il movimento giovanile e sopratutto a Valentina Spata che ha "sbancato" con 1187 voti !

A Vittoria, alcuni dirigenti di partito non hanno forse capito l'importanza del momento e , assieme alla Presidente Nadja Fiorellini, siamo stati in pochi a seguire e sostenere da vicino i giovani in questa importantissima iniziativa, che andava forse preparata in modo migliore per permettere un'adeguata partecipazione .
Comunque i risultati sono buoni. Sono stati predisposti due seggi uno a Vittoria e uno a Scoglitti , rispettivamente con 112 e 14 votanti .

La candidata di Vittoria Martina Sbezzo , diciannovenne matricola universitaria, è stata eletta all'Assemblea Regionale con 126 voti. Grande affermazione, anche a Vittoria, per Valentina Spata ( assemblea Naz) con 117 voti .

E' evidente che i nostri giovani hanno voglia di esprimersi e confrontarsi e devono trovare anche adeguato sostegno, spazi e mezzi per farlo .
Nei prossimi giorni incontrerò Martina Sbezzo per mettere a disposizione del movimento giovanile del Pd , parte dei locali del nuovo laboratorio di incontri politici che aprirà entro la prima settimana di dicembre nei locali di Via Castelfidardo 142 a Vittoria. Nella nuova sede, sarà possibile procedere col tesseramento del PD, organizzare incontri e dibattiti, ascoltare i nostri dirigenti e gli onorevoli Regionali Di Giacomo e Ammatuna , ma soprattutto creare laboratori Video e studiare nuovi mezzi di comunicazione anche politica.

Ha dimostrato particolare interesse alla sperimentazione che intendo attuare , l'On . Roberto Ammatuna che parteciperà garantendo la sua presenza in sede a Vittoria un giorno la settimana. Un altro appuntamento settimanale sarà riservato alle iniziative del movimento Nuova Agricoltura.

Fabio Nicosia

domenica 23 novembre 2008

ARTICOLO SU TELE IBLEA USCITO IL 22 NOVEMBRE!!!

I giovani del PD vicini agli studenti universitari di Scienze Sociali di Modica ancora in attesa dell’avvio delle lezioni
Autore: Luca Bonina



I giovani del PD di Ragusa, sono vicini agli studenti e alle famiglie coinvolti nella grave questione del corso di Laurea di Scienze Sociali di Modica e che si dicono “ingannati” dalla facoltà di Scienze Politiche di Messina poichè hanno fatto pagare le tasse e compilare i moduli di iscrizione agli studenti e poi non hanno attivato il corso. “C’è, inoltre, da dire – spiega la responsabile dei Giovani PD, Valentina Spata - che è assurdo ed incomprensibile come l’ateneo di Messina abbia potuto fare pagare le tasse ancor prima di far fare agli studenti il test d’ingresso”. I giovani del PD di Ragusa, chiedono al Magnifico Rettore ed al Consorzio Universitario, chiarezza e serietà, ed inoltre, auspicano che la situazione sia risolta nel più breve tempo possibile perchè, dopo aver pagato le tasse e dopo aver perduto tanto tempo, gli studenti che devono iniziare il primo anno accademico, hanno il diritto di avere ciò che gli spetta: studiare. “Vorrei fare notare – aggiunge la Spata - che la nostra solidarietà nei confronti di studenti e famiglie è un atto da non criticare ma da prendere come esempio, visto che si tratta di cittadini che ci hanno chiesto aiuto e comprensione e visto che tali cittadini hanno pagato un’esosa cifra (315 euro) per poter permettere ai loro figli di proseguire il percorso di studi. Io e tutto il gruppo dei giovani del PD di Ragusa, non rimaniamo indifferenti ad una grave e assurda situazione, anzi rimarremo sempre a disposizione degli studenti. Posso aggiungere che la riunione con il consiglio di amministrazione del Consorzio Universitario, è risultata positiva e propositiva. Per questo mi preme ringraziare i componenti del cda, presenti per la loro disponibilità e comprensione”

sabato 22 novembre 2008

COMMENTI POST PRIMARIE!!!!!!!!


Nonostante ancora non sono riuscita a metabolizzare questo straordinario successo elettorale dei Giovani del PD, sono molto contenta e soddisfatta del lavoro svolto e delle capacità di questo gruppo giovanile. Sono entusiasta rispetto alla collaborazione con il gruppo giovanile del PD di pozzallo e mi auguro che anche gli altri giovani del PD in provincia di Ragusa possano avvicinarsi in modo tale da creare un unico gruppo giovanile forte ed in grado di capire le esigenze non solo dei giovani ma anche di tutti i cittadini del nostro territorio.

Ringrazio anche i dirigenti del partito Democratico che oggi hanno avuto il gentile pensiero di fare una chiamata per le congratulazioni: sentirsi dire "Bravi ragazzi" è qualcosa di gratificante, soprattuto dopo tanti sacrifici e dopo uno straordinario successo elettorale. A tal proposito ringrazio il Coordinatore cittadino del PD di Ragusa Carmelo la Porta, il Deputato Regionale del PD Roberto Ammatuna, il Vicecoordinatore Provinciale del PD Tuccio di Stallo ed il Coordinatore Cittadino di Modica Sorda Salvatore Baglieri.


Ringrazio, inoltre, tutti i ragazzi e le ragazze per la disponibilità e l'impegno e ringrazio anche tutti coloro che oggi mi hanno mandato email e messaggi: sotto pubblicherò tutte le email.



EMAIL DI GIANNI SCALA: VICE PRESIDENTE PROVINCIALE DEL PD E RESPONSABILE DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE DEL PD "FORMAZIONE".

Cari ragazze e ragazzi democratici,

Con la presente vi faccio le mie più sentite e personali congratulazioni per lo straordinario risultato raggiunto,per l'impegno e la dedizione. Il dato delle Primarie è netto e schiacciante. Ha vinto chi si impegna, ha vinto chi sa stare tra la gente, ha vinto chi crede che la politica sia strumentodi crescita per i giovani. Ha vinto il gruppo creato in queste settimane. Un gruppo fatto di risorse importanti del territorio, con ragazzi e ragazze desiderosi di "fare". Un gruppo omogeneo ed unito che ha saputo capitalizzare e fare tesorodell'organizzazione, sfruttando tutte le forze in campo. Un gruppo che ha saputo reggersi reciprocamente e fare quadrato,dando un'immagine di come la politica sia un'esperienza collettiva e mai personalistica. Un gruppo giovane che hasaputo amalgamare esperienza e freschezza. Insieme abbiamo reso il nostro risultato più forte e più legittimato, abbiamo dato un segnale chiaro a tutti in provincia:i giovani democratici ci sono, e sono FORTI! Abbiamo dimostrato che la sintonia e l'armonia premiano sempre.Bravi a tutti i candidati ora delegati nelle varie assemblee. Un risultato unico e decisivo, che farà parlaredi noi. E' iniziata una fase nuova, che dobbiamo responsabilmente portare avanti.La strada è quella giusta, continuiamo a perseguirla, insieme.


Gianni Scala


EMAIL DI MARIO D'ASTA: RESPONSABILE COMMISSIONE PD RAGUSA "UNIVERSITA' E SCUOLA" E COMMISSIONE PROVINCIALE PD "POLITICHE GIOVANILI".

Ciao a tutti nn più candidati ma ormai eletti,eletti con un risultato straordinario, eccezionale che adesso dovrà fare riflettere chi pensa che i giovani somo marginali, che i giovani bisogna utilizzarli per i gazebo, i manifesti o altro. No i giovani, noi giovani abbiamo la capacità di stare tra la gente e capirne le esigenze, captarne le ansie e provare a dare qualche risposta, abbiamo la capacità di elaborare piattaforme di progettualità politica e la capacità necessaria per governare le dinamiche della politica. Questo è il nuovo modello vincente, tanto teorizzato ma da noi applicato! Complimenti per il concenso plebiscitario che siete riusciti a raggiungere; ora bisogna dare una svolta alla classe dirigente del partito giovanile e non solo; ora bisogna voltare pagina e dare una immagine nuova al giovanile in cui l'entusiasmo, la passione politica, il radicamento, l'esperienza si fondono nella continuità dell'unità politica-culturale e democratica di pensiero e azione politica! abbiamo intrapreso la strada giusta, quella strada che ora ci vedrà insieme per costruire un futuro migliore.Quindi nn posso che terminare in questo modo:CONGRATULAZIONI, COMPLIMENTONI, AUGURONI.


Mario D'Asta

DOMANI AGGIUNGO LE ALTRE EMAIL.

DATI PRIMARIE GOVANI PD.


GIOVANI PARTITO DEMOCRATICO DI RAGUSA
COMPLIMENTI A TUTTI I CANDIDATI ELETTI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

UN COMPLIMENTO PARTICOLARE LO VOGLIO FARE A TUTTE LE DONNE CANDIDATE: "abbiamo dimostrato che la presenza femminile all'interno del partito e del gruppo giovanile è fondamenatle. Da questo risultato evince che ai primi posti si classificano le donne!!!! E' un risultato da prendere in considerazione e da qui lancio la proposta di creare una Commissione Provinciale di donne all'interno del PD giovanile.

Auspico ad una maggiore partecipazione attiva da parte di tutte le ragazze di un'età compresa tra i 14 e i 29 anni, partecipazione che sarà necessaria per la costituzione di un gruppo giovanile Provinciale forte e coeso".


VI COMUNICO I DATI ANCHE SE, ANCORA MANCANO I VOTI DI VITTORIA CHE AVREMO DOMANI MATTINA :


SEGRETARIO NAZIONALE:


  1. FAUSTO RACITI: Pozzallo 306; Ragusa 477; Modica (seggio 1) 70; modica (seggio 2) 127; Scicli 29; Ispica 89; Comiso 201; S. Croce 50; Chiaramonte 111;Vittoria 50. tot. 1509

  2. GIULIA INNOCENZI: pozzallo 30; Ragusa 2; Modica (seggio 1) 2 (seggio 2) 1; Scicli 10; Ispica 2; Chiaramonte 3; Vittoria 56 tot. 106

  3. DARIO MARINI: Scicli 1; Ispica 1; S. Croce 1; Chiaramonte 1

  4. SALVATORE BRUNO: Ragusa 2; Chiaramonte 1

ASSEMBLEA NAZIONALE:



  1. VALENTINA SPATA: (336 Pozzallo; Ragusa 454; Modica (seggio 2) 127; scicli 36; Ispica 13; Comiso 2; s. Croce 47; Chiaramonte 55; vittoria 117 TOTALE: 1187

  2. GIOVANNI LA TERRA BELLINA: 958

  3. BIAGIO GUASTELLA: 168;

  4. SALVATORE LOREFICE: 163

  5. LEOLUCA CATANIA: 78

ASSEMBLEA REGIONALE:



  1. DAVIDE CRISCIONE: 537

  2. IRENE SITTINIERI: 489

  3. GIULIA MESSINA: 483

  4. GIUSEPPE ALBORA: 479

  5. FELICIANA RAGUSA: 216

  6. RAGONA E RUTA: 100

  7. GENTILE CATERINA: 96

  8. ANDREA CANNELLA: 51
  9. SBEZZO MARTINA: 136

SCIENZE SOCIALI: RACCOLTA FIRME A PIAZZA MATTEOTTI

INIZIATIVE DEGLI STUDENTI DEL I ANNO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE SOCIALI A MODICA

L'assemblea degli studenti iscritti al I anno di Scienze Sociali a Modica ha deciso di mantenere lo stato di agitazione.
Abbiamo preso atto nell'incontro con i membri del C.d.a del Consorzio, che si è tenuto Giovedì sera, che il problema per l'avvio del I anno è di natura economica fra l'Università di Messina e il Consorzio Universitario.
Abbiamo registrato l'avvio del II e III anno e la volontà da parte del c.d.a del Consorzio Universitario Ibleo di tenere entro martedì un incontro con i vertici dell'Università di Messina al fine di avviare il I anno in scienze sociali a Modica.
Ribadiamo, ancora una volta, che gli unici che ne stanno pagando le conseguenze siamo noi studenti iscritti al I anno.
Abbiamo pagato regolarmente la tassa di iscrizione all'Università di Messina, i test sono stati rinviati ben 3 volte, le lezioni non sono ancora iniziate e siamo arrivati già al 22 Novembre.
In sostanza, rischiamo di perdere un anno.
Inoltre, la paventata chiusura e/o sospensione del I anno rappresenterebbe la perdita di un importante e storico corso di laurea per la Città della Contea e non solo che è una opportunità di formazione per molti cittadini.
Ci appelliamo ai Sindacati, ai Politici, alle Istituzioni e ai cittadini al fine di sostenere la nostra battaglia per avviare immediatamente il I anno ridando dignità ai tanti studenti e alle tante famiglie che chiedono solamente di soddisfare il diritto allo studio e di iniziare le lezioni
A tal fine, abbiamo deciso:
di avviare una petizione popolare per avviare il I anno in Scienze Sociali a Modica. Chiederemo a tutti di sostenere la nostra battaglia per scongiurare, sul nascere, qualsiasi atto volto a chiudere e /o a sospendere la sede decentrata.
Domenica dalle ore 10:00 alle ore 13:00 e dalle ore 16:00 alle ore 20:00 saremo in Piazza Matteotti per promuovere la raccolta delle firme.
Attenderemo, ancora una volta, con grande senso di responsabilità, l'incontro che si svolgerà fra i Vertici Universitari e i vertici del Consorzio Universitario.
in mancanza di una risoluzione positiva difenderemo con tutti i mezzi la sede decentrata e l'avvio del I anno di scienze sociali a Modica e annunciamo, sin da ora , che siamo pronti anche all'occupazione. La nostra pazienza sta terminando.
Auspichiamo un senso di responsabilità da parte di tutti gli enti preposti così come, fino a questo momento, abbiamo dimostrato noi studenti.
Domani mattina alle ore 10,00, il rappresentante degli studenti Marco Santoro, inizierà a Modica, in piazza Matteotti, una raccolta firme contro la chiusura della facoltà di Scienze Sociali.
Sollecito tutti per una grande partecipazione e per aiutarci a raccogliere tante firme.

Valentina Spata

1083 GRAZIE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

PARTITO DEMOCRATICO DI RAGUSA
Cari ragazzi e care ragazze,

sono contenta per la straordinaria partecipazione in tutta la provincia di Ragusa.

Devo dire grazie non solo a chi mi ha votato ma anche all'organizzazione che mi ha sostenuta in tutti i comuni della provincia.

Il gruppo giovanile di pozzallo ha dimostrato di avere una grande capacità non solo organizzativa ma anche elettorale. lo possiamo vedere dai dati definitivi: Gianni Scala e Giovanni La Terra Bellina, insieme a tutto il loro gruppo, riescono a prendere a Pozzallo 330 voti; a Modica riescono a prendere 127 voti. Un successo straordinario, un comune cos' piccolo che si classifica al secondo posto, dopo Ragusa che si classifica al primo posto con 486 voti. Al terzo posto si classifica, invece Comiso con 200 voti.

Quindi un grazie particolare, lo devo sicuramente al favoloso gruppo di Pozzallo che mi hanno sostenuta e che mi hanno dato la possibilità di avere a Pozzallo 330 voti, quanti sono stati i votanti e 127 voti a Modica.

Per il resto ringrazio di cuore tutti i miei amici che si sono impeganti per tutto il periodo della campagna elettorale e che con grande soddisfazione mi hanno dato la certezza del loro sostegno e della loro vicinanza; ringrazio inoltre i candidati all'Assemblea Regionale Irene Sittinieri, Davide Criscione e Giuseppe Albora che mi hanno sostenuta con forza e determinazione e faccio allo stesso tempo i migliori auguri per la loro elezione; ringrazio anche i presidenti di Seggio (Elisa Taormina, Mario D'Asta e Tiziana Scarso) che con sacrificio ma anche con responsabilità sono riusciti non solo a gestire bene i 3 seggi ma anche a contribuire al massimo ad avere questo ottimo risultato elettorale.

Concludo col ringraziare tutti gli studenti, i lavoratori, gli amici e i conoscenti che hanno avuto fiducia in me e che mi hanno votata dandomi la possibilità di essere stata eletta con 1065 voti.

Un risultato ottimo per il Partito Democratico di Ragusa e per La Provincia stessa; un risultato che dimostra ancora una volta che anche le donne sono un'importante risorsa al'interno del partito e che i giovani sono all'altezza di ogni siuazione e che organizzati sono riusciti a farsi valere sotto ogni aspetto. Da qui, l'organizzazione giovanile nasce, da oggi inizia l'attività di un gruppo che si è ufficialmente costituito.
GRAZIE DI CUORE A TUTTI VOI CHE AVETE CREDUTO IN ME, NEL MIO GRUPPO E IN QUESTO MERAVIGLIOSO PROGETTO CHE AVETE CONTRIBUITO A FAR NASCERE!!!!!

I VOTI CHE HO PRESO IN PROVINCIA DI RAGUSA:
Ragusa 477 voti;
Pozzallo 330 voti;
Modica 127 voti;
Chiaramonte 55 voti;
Santacroce Camerina 42 voti;
Scicli 37 voti;
Ispica 13 voti;
Comiso 2 voti.
Per un total di 1083 voti (ancora mancano i voti di Vittoria).

Valentina Spata